giovedì 9 giugno 2011

Archeologia: I geroglifici della Piramide: probabilmente numeri legati alle proporzioni costruttive


Le  marcature in vernice rossa trovate all'interno della grande piramide da un robot armato di macchina fotografica sono probabili numeri utilizzati dai costruttori.
I misteriosi geroglifici scritti in vernice rossa sul pavimento di una camera nascosta della grande piramide di Giza  sono solo numeri, secondo un'analisi matematica effettuata nel mausoleo di 4500 anni fa.
I geroglifici in questione furono mostrati al mondo il mese scorso,dopo la pubblicazione in antichità Des Annales du Service de l'Egypte (ASAE) del  primo rapporto sull'esplorazione di un robot all'interno della grande piramide.
I ricercatori sono stati particolarmente incuriositi da tre figure in ocra rossa dipinte sul pavimento di una camera nascosta alla fine di un tunnel in profondità all'interno della piramide.
"Ci sono molte domande senza risposta che generano queste immagini, " dice Rob Richardson, l'ingegnere che ha progettato il robot presso l'Università di Leeds, "Perché c'è qualcosa di  scritto in questo spazio? Cosa dice la scrittura? 
Luca Miatello, un ricercatore indipendente specializzato nella matematica dell' antico Egitto, crede di avere alcune risposte.
"Le marcature sono segni numerici in ieratico. Si leggono da destra a sinistra, e significano 100, 20, 1. I costruttori semplicemente registrarono la lunghezza totale del cunicolo: 121 cubiti, "ha affermato Miatello.
Il cubito reale, l'antica unità  di misura egiziana utilizzata per la costruzione della piramide, tra i 52,3 e i 52, 5 cm  di lunghezza era suddiviso in sette palme di quattro cifre (quattro dita).
Miatello, ha scritto riguardo ai modelli numerici della piramide nella Gazzetta Ankh, e più recentemente in "Rivista d' archeologia d' Egitto/Egittologia della PalArch, che multipli di 7, 9 e 11 cubiti si verificano frequentemente nella sua progettazione .
Costruita per il faraone Cheope, conosciuto anche come Khufu, la grande (forse. ndr) tomba  è la maggiore di una famiglia di tre piramidi sull'altopiano di Giza, alla periferia del Cairo.Gli archeologi hanno a lungo discusso sulla funzione dei quattro stretti cunicoli scoperti  nel 1872.
Due di essi, si estendono dalla "Camera del re" e fuoriescono all'aria aperta invece 
 i due inferiori, uno sul lato sud e uno sul lato nord nella cosiddetta "Camera della regina" si perdono dentro le strutture, il mistero della piramide è ancora da svelare.
 Altri robot in precedenza hanno esplorato e inviato immagini da questi cunicoli che indicano che entrambi  sono bloccati da una porta di pietra. Queste lastre in pietra sono approssimativamente equidistanti (63.6 metri) dalla camera della regina.
Il nuovo robot, denominato Djedi è riuscito ad arrivare dove solo i costruttori dell'antico monumento erano riusciti a vedere.
Il progetto, condotto da Zahi Hawass, ministro delle antichità egiziane, è iniziato con l'esplorazione del condotto meridionale della camera della regina.
Il robot fu in grado di salire all'interno delle mura dello stretto corridoio dotato di una fotocamera, era abbastanza piccolo  da riuscire a penetrare attraverso un piccolo foro in una porta in pietra alla fine del tunnel.
Questo ha dato ai ricercatori una visione chiara nella camera . Fu in quel momento che la fotocamera ha inviato le immagini di marcature di 4500 anni.
"Nel pavimento della camera è presente una linea in ocra rossa, forse opera degli antichi muratori, che corre parallela al condotto dalla parte posteriore della prima alla seconda porta in pietra ", scrivono Hawass e colleghi.
"C'è anche un segno nero dove la linea rossa incontra la seconda pietra. A destra, a circa 45 gradi rispetto alla linea rossa ci sono le tre figure dello stesso colore dipinte in ocra . "
Secondo  Miatello, le marcature rosse e le figure sono state fatte dai lavoratori durante la costruzione della piramide. 
"Precise regole matematiche furono seguite nella progettazione delle gallerie della piramide, "ha detto Miatello.
Hawass e colleghi sono d'accordo che le marcature siano state eseguite dagli operai egizi e crede che possano essere caratteri ieratici.
"Le due figure principali sono simili al numero ieratico 21", scrive nel suo rapporto.
 James Allen P., professore di Egittologia e cattedratico di Egittologia  antica e  studi sull'asia occidentale presso la Brown University, concordando con l'interpretazione di   Miatello.
Il professor Allen ha inoltre affermato. "I segni non sono facili da leggere, ma la lettura del Dr. Miatello è interamente plausibile, "
I ricercatori del progetto Djedi  sperano di eseguire ulteriori analisi alle marcature in ocra rossa nel mese di agosto, quando il robot, equipaggiato con una fotocamera dotata di una  maggiore risoluzione  tornerà all'interno della  piramide per ulteriori indagini, mostrando immagini che nessun occhio umano ha potuto vedere dai tempi della sua edificazione.


Fabrizio e Giovanna



Nessun commento:

Posta un commento