giovedì 7 luglio 2011

LA SCOPERTA. ANFORE RINVENUTE SULLE COLLINE DI SAN CASCIANO SERVIVANO A CONTENERE E VENDERE IL ‘CHIANTI’ DELL’ANTICHITÀ


Gli antenati del vino e della damigiana in età romana. Lorella Alderighi, funzionario della Soprintendenza, apre le notti dedicate all’archeologia sancascianese con i risultati di uno studio sugli insediamenti romani presenti sulle colline di San Casciano
La ‘damigiana’ ha una lontanissima antenata in una particolare anfora di età romana, detta empolese, di cui sono stati rinvenuti numerosi frammenti a San Casciano; il ‘vino novello’ richiama quello, non a lunga conservazione, che nei secoli II-V dopo Cristo veniva prodotto nelle villae di San Giovanni in Sugana, Mucciana, San Pancrazio. Antiche testimonianze di insediamenti romani presenti a San Casciano si scoprono simili, nel modello strutturale e produttivo, alle fattorie mezzadrili chiantigiane.




new originale: http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=96683

Nessun commento:

Posta un commento