martedì 12 maggio 2015

AREA ARCHEOLOGICA "SU ROMANZESU" - BITTI - (articolo + video)


Il sito archeologico di “Su Romanzesu” si trova nell’agro di Bitti che si raggiunge percorrendo la superstrada Olbia-Nuoro e imboccando l’uscita per Lula.
Il villaggio nuragico si compone di  numerose capanne, molte delle quali nascoste dal fitto bosco di sughere che caratterizzano l’intera area archeologica, un recinto sacro, due templi a megaron, un tempio definito dagli archeologi Heeron (famoso per il ritrovamento di numerosi reperti in ambra) e, infine, un pozzo sacro con un’area gradonata che racchiude un grande bacino cerimoniale.

Superato l’ingresso si segue il percorso di visita, nel primo tratto del quale è possibile ammirare sulla sinistra una capanna circolare con focolare addossato alla parete,


un recinto sacro il cui sviluppo interno ricorda un labirinto,


una capanna ovale con sedile


e un'altra capanna circolare;


sulla destra sono invece presenti il templi a megaron A e B.

TEMPIO A MEGARON A
TEMPIO A MEGARON B

Proseguendo lungo il sentiero si incontrano, nel lato sinistro, una capanna a settori con vari ambienti e cortile interno,


una capanna con un muro divisorio interno (il che ha fatto ipotizzare agli archeologi un cambiamento di destinazione d’uso dall'originario luogo di riunione)

 
affiancata da una capanna delle riunioni;


nel lato opposto è presente il tempio definito Heeron (C).


Riprendendo percorso si giunge, infine, al tempio a pozzo e alla struttura cerimoniale a gradoni.



Il filmato che condividiamo contiene alcuni particolari relativi al recinto sacro, ai due templi a megaron (A e B) al tempio definito Heeron (C) e al pozzo sacro con l’area gradonata che racchiude il grande bacino cerimoniale.



Fabrizio e Giovanna


Nessun commento:

Posta un commento